LE MOSTRE A TORINO

SI E’ CONCLUSA IL 28 MAGGIO LA MIA MOSTRA AL PALAZZO DELLA REGIONE    Si tratta di quadri dedicati all’infanzia,  realizzati per la campagna di sensibilizzazione a favore delle persone con Sindrome di Down.

 

 

brochure un mondo di colori web

 

Comunicato e Logo mostra 


L’ESPOSIZIONE era stata preceduta, nel mese di marzo, da quella intitolata DALLA TERRA ALLA LUNA e allestita  nella Galleria D’Arte Contemporanea di via Saluzzo 67

Qui alcune testimonanze :

“… panorami visionari, solo apparentemente astratti. Orizzonti dove il colore, da solo, crea onde, rilievi, stratificazioni, nembi … Dalla Terra alla Luna, dal microscopico al macroscopico, la pittura di Daniela Rossi continua la sua indagine di una natura che non conosce differenza tra l’infinitamente piccolo e l’immenso. Il fascino dell’altrove si nasconde in un filo d’erba quanto nella magia dei corpi celesti … C’è molta letteratura d’avanguardia in una simile scelta dei toni che scandiscono le immagini e, insieme, tradiscono una narrazione ma , soprattutto, un lato spirituale del lavoro …. oltre la retina si fa strada l’effetto psichico di vibrazione che tocca l’anima e che Daniela Rossi modula con istinto musicale”    dalla recensione della storica dell’Arte Chiara Gatti  ( la recensione completa nella sezione Pittura di questo sito )

 

“Attraverso il dinamico fluire della linea si apre nell’atmosfera il gioco dei colori: si accendono i rossi, i verdi, gli ori, in una sorta di simbolico racconto, nel segno di una visione che si fa memoria del tempo ” dalla recensione del Critico d’Arte Angelo Mistrangelo.

 

TRA GLI INFINITI MONDI CON I QUADRI DI DANIELA ROSSI

Dalla Terra alla Luna è il titolo della mostra ispirata al pensiero di alcuni tra i più noti astronomi, filosofi, letterati che hanno guardato alle stelle. Ognuna delle 30 opere illustra una loro riflessione intellettuale e poetica sul cosmo. Ecco quindi, tra gli altri, Epicuro con Gli infiniti mondi , Albert Camus con gli occhi aperti sotto un cielo gocciolante di stelle, le predizioni di Jules Verne, le intuizioni di Giordano Bruno, l’astronomia che, dice Platone, ci conduce da un mondo all’altro, la meditazione sulle stelle di Carl Sagan ma anche Smeraldina, una delle città invisibili descritte da italo Calvino e la dichiarazione di Lenin a proposito degli alieni : se riuscissimo a comunicare con loro, tutti i concetti filosofici, sociali e morali dovrebbero essere riveduti. Ciò imporrebbe la fine della violenza quale mezzo e metodo di progresso.

ALCUNI PENSIERI DEI VISITATORI DELLA MOSTRA 

“Non ci sono parole per esprimere questa bellezza. Sembra davvero di viaggiare nell’Universo. I quadri sono dipinti con il cuore, la fantasia ma anche con un ordine matematico. Sono state scelte bene anche le frasi delle didascalie” Andrea Rossi Besio, studente di Chimica

“Un bellissimo itinerario che richiama il primo orientamento spaziale : dalla Città acquatica alla Fantasia lunare , passando con leggerezza calviniana dai mondi terrestri a  quelli celesti puntellati d’oro”.  Manuela Ormea, insegnante di Lettere e scrittrice

“Frammenti di colore illuminano il silenzio di spazi siderali intuiti oltre l’orizzonte del tempo”  Simona Parise, editor e traduttrice

“Le cose sono unite da legami invisibili. Daniela Rossi alla guida di un’astronave emozionale ”  Valerio Moschetti, giornalista

“Quando una persona ha tanta, tanta “roba” dentro, tutto questo ha il potere di uscire.Nel tuo caso questo accade in molti modi, dipingendo mondi sognanti, ma anche teneri, scrivendo e permettendo a tutti noi di condividere con te pezzi di mondo. Bello essere qui. I tuoi quadri, ancora una volta, respirano”  Barbara Beccaria, giornalista